PREMI LETTERARI

Premio Casinò Sanremo

“Libro Del Mare” 

Per un’opera di narrativa, un’opera di saggistica

e un’opera di divulgazione scientifica dedicata al mare.

Potranno concorrere opere edite dal 1° giugno 2009 al 30 Aprile 2010. Opere regolarmente in commercio, i cui autori risultino viventi alla data della riunione di selezione.

Gli Editori e gli Autori delle opere partecipanti dovranno spedire alla segreteria del Premio, entro il 10 Maggio 2010 (fa fede la data di spedizione documentata), dieci copie di ciascuna opera segnalata. Le dieci copie devono essere inviate alla segreteria del Premio a titolo gratuito e non verranno restituite.

Alle opere vincitrici per le sezioni narrativa, saggistica e opera di divulgazione scientifica dedicata al mare verrà assegnato, a ciascuna, un premio in denaro del valore di cinquemila euro. Non vi saranno ex aequo.

Info:

Ufficio Stampa Casinò di Sanremo

via Nino Bixio, 5 – 18038 Sanremo, Imperia.

Tel. 0184.595267/Fax 0184.595207,

e-mail: area.stampa@casinosanremo.it ,

Sito Internet: www.sanremolibromare.it

 

 

Premio Internazionale di Letteratura

"Il viaggio Infinito"


Destinato a opere inedite ed edite di narrativa, poesia, saggistica, teatro

per info:

Premio Il Viaggio Infinito

c/o Simploché- Associazione Culturale Guido Morselli, via Goiacchino Murat, 49

70123, Bari

tel. 333.3913844 – 334.2990693

scadenza: 31 marzo 2010.

 

 

 
HAITI
 
 
Addosso a me
il mantello del bondyè:
una lastra di cemento.
Tenebre, abissi,
il pepe bianco
della calce viva.
 
La terra nostra
è la foglia del banano
alla mercede del machete,
delle frustate
dell’uragano.
Ogni calcinaccio un fiore.
 
Il gros bonange non c’era.
Il gros bonange dormiva
dai tempi di Toussaint Louverture,
decapitato nel sonno,
tumulato da Papa Doc.
 
I tonton macoutte
anche se cadaveri
si risveglieranno
con in pugno
l’ascia di Shango.
Gli angeli del Dahomey
invece,
le ali strappate nel crollo,
non si rialzeranno mai più.
 
La nuvola di piombo
mi ha seppellito
nella tana del profondo.
Si è spento il sole
sotto la pietra sacra dei Loa.
 
Sono nel regno notturno
del Baron Cimetere.
Uso una montagna
per cappello.
Non vedo – polvere negli occhi.
Non parlo – polvere nella bocca.
Non respiro – polvere nelle narici.
 
Non oso più camminare
sull’uragano
che si nascondeva tra le radici.
 
Sono qua, giù,
ed aspetto.
 
Ora anch’io
piccola mambo,
mi nascondo
in silenzio
tra le radici.
Julio Monteiro Martins

 Presidenza del Consiglio regionale del Piemonte

invito, 

alla presentazione del volume Onore Colore Identità. Il Blasonario delle famiglie piemontesi e subalpine, edito dal Consiglio regionale del Piemonte e dal Centro Studi Piemontesi (ISBN 978-88-8262-160-5).

L’opera, che nel catalogo del Centro Studi Piemontesi si affianca idealmente alla fondamentale Bibliografia delle famiglie subalpine, costituisce un’autentica e complessa impresa editoriale, con pochi eguali in Europa: in 368 pagine complessive sono concentrate, dopo uno sguardo e introduzioni sulle valenze storiche, artistiche, simboliche, giuridiche dell’araldica, oltre tremila figure di stemmi a colori (realizzate con le più moderne tecnologie) e notizie su circa quatromila famiglie nobili e notabili presenti nella storia subalpina. Si tratta di una guida sicura per indagare sulle testimonianze blasoniche disseminate tra castelli, chiese, palazzi, dipinti, sculture, iscrizioni, in particolare in Piemonte, Valle d’Aosta e Nizzardo (riferite pure a famiglie savoiarde, lombarde e liguri a vario titolo presenti nel passato degli Stati sabaudi al di qua delle Alpi).

Il volume sarà posto in vendita, a partire dal 5 febbraio 2010, al prezzo di € 38,00.

Per informazioni: info@studipiemontesi.it (Centro Studi Piemontesi, Via Ottavio Revel 15, 10121 Torino, tel. 011 537486) www.studipiemontesi.it

LibrI & ValorI

ESSE (European Society for the Study of English)

 

10th CONFERENCE

 

TORINO

 

Tuesday 24 – Saturday 28 August 2010

 

http://www.unito.it/esse2010/

 

 

SEMINAR TITLE:

 

Beyond the West, beyond Translation Studies

 

 

CONVENORS:

 

Susan Bassnett, Rosa Maria Bollettieri Bosinelli, Elena Di Giovanni

 

Over the past two decades, translation studies has seen an enormous expansion of its scope. As new research paths have emerged and the ‘old’ ones have been contaminated by other perspectives, one of the aspects which has undoubtedly, primarily influenced the expansion of the discipline – or

rather, interdiscipline – is the acknowledgement of the ‘cultural turn’ in Translation Studies. Since those days, an increasing number of culture-related research domains have come into contact with, and blended into the study of translation phenomena: from postcolonialism to gender studies, from ethnography to sociology and to cultural studies in their

broadest possible sense.

 

Each of these approaches has contributed to deepening, strengthening and of course expanding the “name and nature” (Holmes, 1972) of Translation Studies.

 

One of the most positive consequences of this expansion beyond has been an increasing attention to viewpoints, debates and criticism which have been 8210; and are still 8210; provided by scholars beyond the so-improperly-called West. Writing and acting from a position of power, whereby they have read, understood and sometimes overcome Western theoretical standpoints, non-Western scholars have been offering

wide-ranging, insightful and innovative perspectives on the observation of translation policies, bringing to the fore their own reflections, traditions and life experiences.

 

This seminar aims to be a forum for the discussion of theories,

methodologies and practices of translation which call attention to the beyond, reaching beyond common paradigms and beyond the line of the Western horizon in Translation Studies.

 

We invite contributions which encompass non-Western approaches to the study and practice of translation, which compare ‘distant’ methodologies and strategies and, more in general, which aim to contribute to expanding the ‘realm of the beyond’ in Translation Studies.

 

 

Susan Bassnett

is a noted scholar of comparative literature. She serves as

pro-vice-chancellor the University of Warwick and teaches in its Centre for Translation and Comparative Cultural Studies, which she founded in the 1980s. She was educated in several European countries, which gave her a grounding in diverse languages and cultures. She has lectured in universities around the world, and began her academic career in Italy, moving via the United States to her current position.

 

Professor Bassnett is the author of over 20 books, and her Translation Studies (3rd ed. 2002) which first appeared in 1980, has remained consistently in print and has become the most important textbook around the world in the expanding field of Translation Studies. Her Comparative Literature: A critical Introduction (1993) has also become an internationally renowned work and has been translated into several languages. Recent books include Constructing Cultures (1998) written with

André Lefevere, Post-Colonial Translation (1999) co-edited with Harish Trivedi,  The Translator as Writer (2006), co-edited with Peter Bush.

Besides her academic research, Susan Bassnett writes poetry.

 

Rosa Maria Bollettieri Bosinelli

is full professor of English at the Advanced School  of Modern Languages for Interpreters and Translators of the University of Bologna at Forlì that she directed from 1992 to 1996. She chaired the Department of Interdisciplinary Studies on Translation, Languages and Cultures since its foundation (1999)

until October 2005. In June 2000 she was elected President of the International James Joyce Foundation for a  four  year mandate.

 

She has published extensively on James Joyce, the language of advertising, screen translation, political language, and metaphor. Her publications include Oltre l’occidente. Traduzione e alterità culturale, co-ed with Elena Di Giovanni, Milano: Bompiani 2009); Joyce and/in Translation (2007); ).

Translation Studies Revisited (co-ed. with Susan Bassnet and M. Ulrych, 1999); Anna Livia Plurabelle di James Joyce nella traduzione di Samuel Beckett e altri (1996) in collaboration with Umberto Eco; Multimedia translation: Which translation for which text? (1999), Multimedia Translation for film, television and the stage (1996).

 

Elena Di Giovanni

is lecturer in translation at the University of Macerata, Italy, where she teaches specialized translation as well as audiovisual translation. She holds a degree in translation studies and a PhD in English language and translation. She has been giving lectures at the University of Bologna at Forlì (Advanced School of Modern Languages for Interpreters and Translators) for an MA programme in Screen Translation and at the University of

Roehampton, UK. Her research areas include translation as intercultural communication, translation and postcolonialism, audiovisual translation (both dubbing and subtitling), writing and translating for children.

 

Her most recent publications include: Translation, Cultures and the Media, special issue of EJES (Routledge, 2008), Oltre l’Occidente. Traduzione e Alterità Culturale (with R.M. Bollettieri Bosinelli, Bompiani, 2009), La ricerca nella comunicazione interlinguistica. Approcci teorici e metodologici (with S. Cavagnoli e R. Merlini, FrancoAngeli, 2009). She also

works as a professional translator for the media and publishing industry.

   Il Colosso dell’Appennino (1580 circa) – Giambologna.

Statua dell'Appennino, Giambologna, 1579-1580, Parco Mediceo di Pratolino, Vaglia.

http://brunelleschi.imss.fi.it/itinerari/immagine/img5275.html

Forse è solo un sogno, ma pare davvero uscito da una favola, quel gigante di pietra che ci fissa, malinconico e pensoso, dietro un laghetto. Un gigante che a fatica pare reggere il peso dei suoi anni. No, non siamo in uno dei brulli paesaggi esotici da Mille e una Notte o nel mezzo di una foresta abitata da elfi e fate. Ci troviamo, invece, a Pratolino, appena sopra Firenze. Ed il gigante che ci inquieta, altri non è che la smisurata statua dell’Appennino, realizzata dal Giambologna, eclettico artista della corte dei Medici, fra il 1579 ed il 1580. La sua imensa e grivia massa curva è rappresentata mentre con la mano preme, quasi a volerlo soffocare nell’acqua sottostante, la testa di un mostro. Un’opera davvero colossale, ma che è anche il simbolo ed il custode del grande parco romantico di Villa Demidoff. E’ lui che per primo scruta ed accoglie i visitatori. Eppure, piazzato lì, in fondo al grande spiazzo d’erba, dietro lo specchio d’acqua del laghetto, pare quasi eccessivamente isolato. Abbiamo la netta impressione che manchi qualcosa, come se la grande creatura che abbiamo davanti agli occhi sia la materializzazione solo parziale di una splendida favola d’altri tempi.

http://www.secrettuscany.it/ville_giardini_villa_demidoff.htm

 

Tao Te Ching – (Dao De Jing ) 

by Lao Tzu   (Lao Zi)  (literally “Way of  Strength/Virtue, Scripture”). A basic text of Taoism.
 
        
        This statue of Lao Zi is carved from the stone of a mountain,

        reflecting the harmony of the Tao
http://art-energy.org/aboutqigong.html#other

Il Tao Te Ching (in Wade-Giles) o Dàodéjīng (pinyin), in cinese 道德經 [Listen [?·info]], è un’opera breve di soli 5.000 caratteri. Si compone di ottantuno capitoletti e per la sua difficoltà di interpretazione continua ad essere studiato e commentato. Il libro è oscurissimo, criptico, a volte ambiguo. A ciò si aggiunge il sospetto che le tavolette dalle quali era composto, mal rilegate, si slegassero frequentemente, in modo tale che blocchi di caratteri si mescolassero nel tramandarlo: da qui il sorgere di numerose questioni critiche e interpretative. Il testo permette di affrontare diversi piani di lettura e d’interpretazione.

http://it.wikipedia.org/wiki/Daodejing

Il 26 gennaio, ore 18,00
La Cité libreriacafé
Borgo San Frediano, 20r Firenze
L’Istituto Ernesto de Martino e l’Università di Firenze presentano:
La Cité dell’Antropologia: Libri, suoni, storie di vita, pensieri delle altre Italie.
PRESENTAZIONE del libro
“Albanie. Traduzione, tradizione.
La traduzione dalle varianti linguistiche alle varianti culturali’
a cura di Àugusta Brettoni, Roma, Bulzoni, 2009(Contesti adriatici, 2).
Incontro a cura di Paolo de Simonis (Università di Firenze).
Lettura di poesie italiane e albanesi.
Uno sguardo interdisciplinare che ci auguriamo riesca a offrire immagini articolate e
interpretazioni non stereotipe,
volti diversi della cultura albanese.
 
       
+39 055.210387      
Borgo San Frediano, 20r Firenze 50124

La Cité: il nuovo caffè letterario di Firenze

 

Un caffè letterario. Un luogo dove ascoltare la musica dal vivo. Il tango. I libri. Le crostate equo e solidali. 10mila volumi da consultare. Un palco e del buon vino. 200 metri quadrati luminosi e soppalcati. Tutto ciò è la “Libreriacafè LaCité”, in Borgo San Frediano 20/r.

Aperto dalla Cooperativa Spem (Spazio Polivalente per le Eccedenze Metropolitante) la “Libreriacafé LaCité” è inteso come spazio interculturale e polivalente, nato dall’idea di voler coniugare una libreria a tematiche specifiche con un caffè, con la musica e con mostre d’arte, pensato non solo come spazio di ritrovo e relax ma anche come “luogo culturale” in cui dare vita a focolai di scambio di idee. Una forma di comunicazione ibrida che consente di integrare un servizio commerciale con attività culturali in cui chi produce arte e cultura possa essere a contatto diretto non solo con chi la fruisce, ma soprattutto con chi la distribuisce. “La Cité” – progettato dalla cooperativa Spem con l’utilizzo di materiale riciclato e autoprodotto – è uno spazio polifunzionale in cui, oltre alla libreria e agli spazi adibiti per la lettura, presenta un “Caffè” collocato centralmente nell’open space del locale, che può essere bar, sala da tè o utilizzato anche per degustazioni.

"La Citè LibreriaCafé – spiegano gli organizzatori – ha l’odore buono della carta dei libri e il suono caldo della parola, dello stare insieme. Un laboratorio di sperimentazione culturale, luogo di costruzione, officina di creazione, oltre i confini fisici dello spazio in se’ e di ciò che racchiude. Sarà in questo piccolo crocevia di storie diverse e plurali che proveremo a tessere il racconto di esodi, eccedenze e resistenze in questa città e nel mondo”.
http://www.lacitelibreria.info/

<!–

–>

<!–

–>