SEGNALA CIO’ CHE ROVINA

I LUOGHI CHE PIU’ AMI

http://www.iluoghidelcuore.it/

IL PROGETTO “I LUOGHI DEL CUORE”

Dar voce alle segnalazioni dei beni più amati in Italia per assicurarne un futuro è lo scopo de “I Luoghi del Cuore”, il censimento nazionale promosso dal FAI  in collaborazione con Intesa Sanpaolo, che chiede ai cittadini di indicare i luoghi che sentono particolarmente cari e importanti e che vorrebbero fossero ricordati e conservati intatti per le generazioni future. L’appello è volto alla difesa di tesori piccoli e grandi, più o meno noti, che occupano un posto speciale nella vita di chi li ha a cuore.

Il progetto ha l’obiettivo di coinvolgere concretamente tutta la popolazione, di qualsiasi età e nazionalità purché residente in Italia, e di contribuire alla sensibilizzazione sul valore del nostro patrimonio artistico, monumentale e naturalistico.

Attraverso il Censimento il FAI sollecita le Istituzioni locali e nazionali competenti affinché conoscano il vivo interesse dei cittadini nei confronti delle bellezze del Paese e mettano a disposizione le forze necessarie per salvaguardarle; ma il censimento è anche il mezzo per intervenire direttamente, laddove possibile, nel recupero di uno o più beni votati.

“I Luoghi del Cuore” offre a ognuno la possibilità di contribuire alla difesa dei luoghi amati e forse proprio per questo è stato eletto, in modo persino inaspettato, a voce intermediaria tra i comuni cittadini e le Istituzioni. Il Censimento non soltanto ha catalizzato le richieste di coloro che vivono in prima persona il territorio, ma ha addirittura stimolato la nascita di associazioni e comitati spontanei, dimostrando che “I Luoghi del Cuore” risponde a un’esigenza profondamente sentita e condivisa.

http://www.iluoghidelcuore.it/

 

 MUSEO STIBBERT – FIRENZE

http://www.museostibbert.it/

Il Museo deve la sua esistenza ad un uomo straordinario, Frederick Stibbert (1838-1906), di padre inglese e madre italiana, nato a Firenze ma educato in Inghilterra.
 
Proveniva da una famiglia di militari: il padre colonnello delle prestigiose Coldstream Guards, il nonno governatore generale del Bengala, India, da dove ebbe inizio la ricchezza della famiglia che il giovane Stibbert ereditò appena ventenne.
 
Dedicò presto la sua attenzione alla collezione per la quale egli stesso creò, sul colle di Montughi, un museo. "Il mio museo", come egli lo chiamò, "che mi costa ingenti somme di denaro, tante cure e fatiche", aggiunge nel suo testamento. Alla sua morte egli lasciò il Museo alla città di Firenze.
 
Il Museo è ora gestito da una Fondazione, istituita per volontà testamentaria di Stibbert stesso. Egli lasciò tutto il suo patrimonio museale in prima istanza alla Nazione Britannica, e in caso di rinuncia alla Città di Firenze che subentrò infatti al primo legatario. Gli obblighi, puntualmente assolti, erano di mantenere le collezioni nel luogo e negli ambienti per loro pensati e di aprire il Museo al pubblico per la conoscenza degli studiosi e l’educazione dei giovani.
 

 

 

 

 

QUIZ: LE FRASI CELEBRI DEL CINEMA


Le frasi dei film rimangono spesso nella mente degli spettatori determinando anche il successo di un film. Splendide citazioni fanno parte ormai della storia del cinema. Dopo il successo del primo quiz “frasi dei film”, ripresento una nuova prova nella quale dovrete indovinare il film dal quale è stata estratta la frase oppure la parola che manca per completare la frase.

http://amosgitai.blogspot.com/2008/10/frasi-film-2.html

COSPE al FESTIVAL DELLA CREATIVITÁ

Tra visioni, viaggi e scoperte
23 – 26 ottobre 2008
(Fortezza da Basso – Firenze)

Cospe partecipa per la prima volta in qualità di partner al “Festival della Creatività tra visioni, viaggi e scoperte”
organizzato da Regione Toscana  e Fondazione Sistema Toscana.

—————————————————————————————-

Durante il Festival Cospe, con il sostegno della Regione Toscana, lancerà la campagna
"Più donna, meno guerre" a sostegno della Somali Women Agenda (SWA).

Nei punti informativi sarà possibile acquistare una spilla realizzata in collaborazione
all’associazione “Il filo che unisce” che andrà a finanziare la campagna.
Durante i quattro giorni 30 volontari Cospe distribuiranno
la spilla e materiale informativo sul progetto.

con Igiaba Scego sarà possibile prendere un aperitivo e parlare del suo ultimo libro
[ore 19.30 nello spazio dell’Enoteca “Bevo Vino” – Fortezza da Basso].

Giovedì 23 ottobre Giovedì 23 ottobre in quest’edizione dedicata al Brasile Cospe sarà presente all’incontro
 dal titolo
"Le esperienze e i progetti futuri della Cooperazione e dei
progetti sociali fra Italia e Brasile"
[ore 15.30 – Spazio Fureria].

Venerdì 24 ottobre, nell’ambito della campagna e tra gli eventi collaterali del Festival,
si svolgerà un incontro dal titolo
"Voci (di donne) dal mondo"con Malalai Joya,
paralmentare afghana, Halima Abdi Arush, presidente SWA e Igiaba Scego, scrittrice
[ore 17.30 al Giardino dei Ciliegi – via dell’Agnolo, 5].

Durante il Festival sarà presente una postazione mobile del Cospe: un camper
attrezzato a libreria con tanto materiale istituzionale e informativo del Cospe
[piazza Bambini di Beslan – antistante l’ingresso della Fortezza da Basso]

Per info: Ufficio Comunicazione Cospe 055 47 35 56
www.cospe.org

10_fmb.gif
     
  Tesi a confronto: Musealizzazione delle aree archeologiche
 

Sabato 25 ottobre alle ore 17, presso la Fondazione Montanelli Bassi,  è previsto un incontro sul tema  "La musealizzazione delle aree archeologiche. Valorizzazione dei siti archeologici urbani". Sull’argomento sarà presentata la tesi di Ilaria Barnini e interverrà il prof. Luigi Marino del Dipartimento di Restauro Architettonico dell’Università di Firenze. L’iniziativa è organizzata in collaborazione con il Comune e il Museo Civico di Fucecchio e con il Dipartimento di Restauro e Conservazione dei Beni Architettonici.

     
     
  Fondazione Montanelli Bassi
via G. di San Giorgio, 2
Casella Postale 190
50054 FUCECCHIO (Fi)
Tel e fax 0571 22627

OpenDay, l’altra domenica delle biblioteche –

 "casadelleculture"

OpenDay – L’altra domenica
Domenica 19 ottobre 2008

Domenica prossima si svolgerà la quinta edizione dell’Open Day delle biblioteche, dei musei e degli archivi di Romagna. L’iniziativa si propone di diffondere la conoscenza degli istituti culturali del territorio attraverso una serie di iniziative rivolte alle più varie tipologie di pubblico, dai bambini, ai giovani, agli adulti.
Letture, spettacoli, reading, mostre, presentazioni di libri, costituiscono solo alcune delle occasioni in programma per accostare in maniera inconsueta e divertente luoghi della cultura spesso inesplorati o poco noti. Le Biblioteche effettueranno un’apertura straordinaria per fare conoscere la ricchezza dei percorsi culturali che custodiscono e le potenzialità creative che possono sprigionarsi dalla frequentazione di un patrimonio culturale che appartiene a tutti. Particolare attenzione è rivolta alle giovani generazioni, per le quali sono previste varie iniziative di promozione alla lettura, anche per favorire il confronto tra le generazioni, il dialogo tra le culture e l’educazione a modalità di pensiero critiche.
La Casa delle culture, in occasione dell’OpenDay, rimarrà aperta domenica dalle ore 15,30 alle 18,30. Verrà allestita una postazione Internet con la quale sarà illustrato come ricercare libri e materiali audiovisivi all’interno della Rete Bibliotecaria di Romagna. Sono previste narrazioni di fiabe dei diversi paesi del mondo a cura dell’associazione Terra mia.
I partecipanti all’iniziativa potranno concorrere all’estrazione di diversi premi (Pen drive usb, films di famosi registi africani)

Scarica la locandina dell’iniziativa alla pagina web:
http://www.racine.ra.it/casadelleculture/