TORNA “IL SOGNO DI UNACOSA” al “VIE NUOVE” (a sostegno di “Testimonianze”) il prossimo 14 DICEMBRE

[category: incontri]

al Circolo "Vie Nuove" (Viale Giannotti, 13-Firenze),

il prossimo 14 DICEMBRE, torna "IL SOGNO DI UNA COSA"

(serata/evento a sostegno e per l’autofinanziamento di "Testimonianze").

Questa volta il tema al centro dell’iniziativa sarà quello dei diritti umani,

nel settantesimo anniversario della Dichiarazione Universale del 1948.
Questo il programma: alle 18,30,

PRESENTAZIONE DEL VOLUME di "Testimonianze" (fresco di stampa)

dal titolo: "1948-2018: DIRITTI UMANI IN CAMMINO".

Interventi di WLODEK GOLDKORN, GIORGIO FEDERICI,

ANNA SARFATTI, SEVERINO SACCARDI,

intervistati da PIERO MEUCCI. Letture di ROSALBA DE FILIPPIS.
Alle 20,30, CENA "DAL MONDO", con ricco menù.
Interventi in musiva e parole di LORENZO NDREAGGI,

PAOLO DI IORIO e COSIMO LOPARDO.
Contributo per la cena a partire da € 20.
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA: Tel.339 2440913 (Barbara);

339 6962922 (Miriana); mail: vienuove; infotestimonianze
L’incasso della cena e della lotteria (che si terrà nel corso della serata)

sarà versato a sostegno delle attività della rivista fondata da Ernesto Balducci.
Alla Tavola Rotonda delle 18,30 l’ingresso è libero.
Siete invitati!

Annunci

18-20/12/2018: Ricerche Archeologiche alla Foce del Tevere

[category: incontri]

logo

Convegno (18-20 dicembre 2018)

Il Direttore a.i. dell’Academia Belgica di Roma, Prof. Paul Fontaine, ha il piacere di invitare la S.V. al convegno

Ricerche Archeologiche alla Foce del Tevere

Primo Incontro Internazionale dei Dottorandi e Dottori di Ricerca

sito 2Il primo incontro internazionale per dottorandi e giovani dottori di ricerca dal titolo “Ricerche Archeologiche alla Foce del Tevere” avrà luogo nelle giornate del 18-19 e 20 dicembre 2018 a Roma. Lo scopo di questo convegno è quello di presentare le nuove ricerche in corso che hanno come argomento il Tevere e la sua foce e in particolare la città di Ostia.

Il programma focalizzerà l’attenzione soprattutto sui nuovi approcci e le metodologie di ricerca usati per lo studio di questi territori. In quest’ottica ogni relatore avrà l’occasione di presentare le sue ricerche a un ampio pubblico di specialisti e di confrontarsi con la comunità scientifica che da anni si occupa di questi territori.

Questa conferenza avrà luogo al Parco Archeologico di Ostia Antica, all’Academia Belgica di Roma e alla Sapienza – Università di Roma, con il supporto dell’Université de Liège (UR-Art, Archéologie, Patrimoine, Service d’Histoire de l’Art et d’Archéologie de l’Antiquité gréco-romaine). L’incontro è inoltre patrocinato dall’Unione Internazionale degli Istituti di Archeologia, Storia e Storia dell’arte in Roma.

Il comitato organizzativo ha il piacere di invitare tutti gli studiosi interessati a queste tematiche.

Per maggiori informazioni si rimanda al Programma definitivo.

Academia Belgica – Via Omero 8, 00197 Roma – www.academiabelgica.it

index.php?option=com_acymailing&ctrl=stats&mailid=148&subid=757

Nova Sento in Rete 0983

[category: esperanto]

7tyzxdo38be.gif
["Sendinblue"]
Nova Sento in Rete
Aperiodico della Federazione Esperantista Italiana
In allegato trovi il file pdf del numero

NSiR-0983 (29/2018)

Indice articoli

  • Convegno sull’interlinguistica alla IULM
  • Italaj ZEOj: helpo bezonata
  • Accade in Cormano
  • Elekto de komitatanoj B de UEA: kandidatiĝu!
  • Pillole di Salvezza 0983: Voltaire
Visita il blog di NSiR
Troverai tutti gli articoli pubblicati finora su Nova Sento in Rete
Federazione Esperantista Italiana

Via Villoresi 38 20143 Milano

Facebook
Twitter
Google+
Instagram

tLgiIfDJRmtstzPZNjJv3Zb3_5Ra0HqJK4td3s0eBMz_R0LXL7GF0TjwJVgRWxYF8bX-Gt_JUptv1MYKEy-iqnc_bW27nb-lAzck4TVdQprROeA

NSiR0983292018.pdf

LettERRANZA news

[category:intercultura]

valigialibro1.jpg

Ultime news di Letterranza

---

Ultima recensione

lavitanoneunafossa-210x300.jpg

Leggere La vita non e una fossa comune di Gassid Mohammed

Una recensione di Monica Buffagni

Leggere La vita non e una fossa comune di Gassid Mohammed (Arcolaio editore, 2017) e un viaggio nelle emozioni e negli istinti primordiali, attraverso la chiave, a volte velata di lieve foschia, della quotidianita, un viaggio dellanima, piu che della mente, in cui ci si identifica, si riconosce e si ritrova la propria parte piu umana, piu intensa, piu nuda ed essenziale.

Leggi tutto.

---

Ultime schede

Storie dal pianeta Veronetta -copertina

Storie dal pianeta Veronetta

Titolo: Storie dal pianeta Veronetta

Autore: Marina Sorina

Anno: 2018

Genere: Narrativa

Casa Editrice: Tra le Righe (Lucca)

Leggi tutto.

---
U Africa!

U Africa!

Titolo: U Africa! Diario di un marocchino

Autore: Youssef El Hirnou

Anno: 2017

Genere: Narrativa

Casa Editrice: Booksprint

Leggi tutto.

---
La vita non una fossa comune

La vita non una fossa comune

In Iraq/ la morte diventata un terzo fiume/ sulle sue rive galleggiamo/ vivi e morti.

Leggi tutto.

Buona lettura!

valigialibro1.jpg
info@letterranza.org

?email_id=12&user_id=4043&controller=stats&action=analyse&wysija-page=1&render=1&wysijap=subscriptions

Premio Cavallini 2018

[mailto:press@pordenonelegge.it]

pordenonelegge consiglia
seguici su | FACEBOOK | TWITTER | YOUTUBE | INSTAGRAM
immagine evento

Premio Cavallini 2018

E’ stata presentata l’edizione 2018 del Premio Cavallini, istituito da Vittorio Sgarbi nel 1996 a Barcis e giunto alla XXII edizione.

Dallo scorso anno il premio non è più intitolato al solo Bruno Cavallini, zio di Vittorio ed Elisabetta Sgarbi, ma ai fratelli Bruno, Romana e Rina Cavallini, quest’ultima madre di Vittorio ed Elisabetta, tre personalità molto diverse, ma tutte accomunate da una speciale sensibilità artistica e da un altrettanto speciale forza di carattere.

Sono quattro i riconoscimenti che saranno assegnati in questa edizione articolati su varie sezioni:
– Premio per la saggistica, a Michele Ainis
– Premio per la narrativa a, Ermanno Cavazzoni
– Premio alla carriera, a Piera Degli Esposti
– Premio alla creatività, a Morgan

La cerimonia di consegna del premio è in programma sabato 27 ottobre alle 20.30 al Convento di San Francesco a Pordenone. A consegnare il premio, promosso con il patrocinio della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, dei Comuni di Pordenone e di Barcis e della Pro Barcis, sarà Vittorio Sgarbi, che lo istituì nel 1996 a Barcis, comune di cui è cittadino onorario.

A Barcis nacque l’idea di istituire il premio, consegnato per alcuni anni nella località turistica della Valcellina e dal 2003 a Pordenone. “Il Premio Cavallini è un derivato del Premio Giuseppe Malattia della Vallata – ha scritto Vittorio Sgarbi – con Gaio Fratini, primo premiato, a cui sono seguiti in oltre 20 anni importanti esponenti del mondo della cultura contemporanea nei vari campi del sapere (dalla letteratura alla ricerca scientifica, dalla musica al teatro) tra i più conosciuti in Italia e in Europa”.

La serata sarà coordinata da Maurizio Salvador, che nel 1996 da sindaco di Barcis accolse con entusiasmo l’idea del premio, e da Valentina Gasparet, e vedrà la presenza, come per gli anni scorsi, della famiglia Cavallini-Sgarbi. Nel corso della serata Piera Degli Esposti per ricordare Giuseppe Sgarbi, per tutti “Nino” scomparso il 23 gennaio 2018, leggerà un suo brano inedito sull’Abbazia di Pomposa.

Tutte le informazioni sul Premio si possono trovare sul sito www.premiobrunocavallini.it

HOMEPAGE CONTATTI
Copyright © 2015 Fondazione Pordenonelegge.it
P.Iva 01738520939
Corso V. Emanuele II, 47
33170 – Pordenone (PN)
Tel.: 0434.1573100 – 1573200
Fax: 0434.1573222
E-mail: fondazione@pordenonelegge.it

count.php?code=c4b31ce7d95c75ca70d50c19aef08bf1&user=3ddb39c15fc6b21e8adc955bf6127a25

L’incisione belga e neerlandese nell’Italia del primo Novecento

[category: pittura]

logo

Convegno (26-27 ottobre 2018)

Il Direttore dell’Academia Belgica di Roma, Prof. Paul Fontaine, presenta il convegno

L’incisione belga e neerlandese nell’Italia del primo Novecento

che si terrà venerdì 26 e sabato 27 ottobre 2018 presso le sede del Koninklijk Nederlands Instituut e dell’Academia Belgica di Roma.

951 1La presenza di numerose stampe neerlandesi e belghe alle mostre di grafica in Italia intorno all’inizio del Novecento è un fenomeno che, sebbene oggi trascurato dagli studi, è stato fondamentale per quella felice stagione di risveglio d’interesse per le cosiddette “arti del Bianco e Nero”. La sistematica presentazione di opere grafiche, a partire già dalla prima Biennale Internazionale d’Arte di Venezia nel 1895, muoveva in Italia da un’indubbia volontà di rinnovamento e apertura ai modelli d’oltralpe per far fronte a una situazione ritardataria nei confronti della modernità.

Nell’ambito di un più vasto interesse per il ruolo svolto dalle stampe nella definizione di una comune cultura figurativa europea, l’Academia Belgica e il Reale Istituto Neerlandese di Roma organizzano un convegno internazionale sui rapporti artistici tra Belgio, Paesi Bassi e Italia, nel campo dell’incisione tra la fine dell’Ottocento e il periodo tra le due guerre mondiali.

Il convegno vuole attivare una riflessione sulla ricezione italiana delle novità grafiche che si diffusero in Italia a partire dal Nord Europa e sugli effetti di questi reciproci scambi nella definizione di un linguaggio condiviso. La massiccia presenza delle stampe nordiche alle mostre italiane tra il 1895 e il 1930 fornì, infatti, la base teorica per molti sviluppi del Novecento italiano, e non solo nel campo della grafica. Temi, stili, tecniche e linguaggi assimilati in quelle occasioni, attraverso opere per loro natura multiple e facilmente condivisibili, avrebbero costituito un comune e durevole sostrato figurativo almeno fino agli anni Trenta.

ProgrammaAbstracts

Convegno organizzato in collaborazione con il Koninklijk Nederlands Instituut Rome – KNIR

Academia Belgica – Via Omero 8, 00197 Roma – www.academiabelgica.it

index.php?option=com_acymailing&ctrl=stats&mailid=143&subid=757