La leggenda di Maometto

     di Eliot Weinberger

Quattrocentoventimila anni prima della creazione dei cieli – o della terra o dell’empireo o del trono o della tavola della legge o della penna divina o del paradiso o dell’inferno – Dio creò la Luce di Maometto. La Luce passò attraverso venti mari di luce, e ognuno conteneva le scienze che nessuno comprendeva all’infuori di Dio stesso. E quando la Luce emerse dall’ultimo mare, i mari caddero in adorazione e formarono centoventiquattromila gocce di luce, e ogni goccia era un profeta della grande processione che circondava la Luce.

Da quella Luce Dio poi formò una gemma e la divise in due. Una metà divenne le acque, ed Egli pose l’altra metà su quelle acque e divenne l’empireo. Poi creò il trono che sfavillava dall’empireo, e dal trono le tavole della legge, e dalla tavola la penna divina.

Egli ordinò alla penna di scrivere, ma la penna restò perplessa per un migliaio di anni. “Che cosa dovrei scrivere?”

“Non c’è Dio all’infuori di Dio e Maometto è l’Apostolo di Dio”

“Chi è questo Maometto di cui pronunci il nome insieme al tuo?”

“Oh penna, se lui non esistesse, io non ti avrei potuta creare”.

http://www.letterainternazionale.it/testi_htm/weinberger_81.htm 

http://www.letterainternazionale.it/testi_htm/weinberger_81.htm  http://www.letterainternazionale.it/testi_htm/weinberger_81.htm 


Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...