Quando i "classici" fanno riflettere
"Il guaio sta nella mancanza di spazi pubblici a cui i cittadini possano avere accesso e da cui sia possibile scegliere un’élite o meglio un’élite possa scegliere se stessa. Il guaio, in altre parole, è che la politica è diventata una professione e una carriera e che quindi l’élite venga scelta in base a norme e criteri che sono in se stessi profondamente impolitici. E’ nella natura di tutti i sistemi partitici che i talenti autenticamente politici possano affermarsi solo in rari casi ed è anche più raro che i requisiti specificamente politici sopravvivano alle meschine manovre della politica di partito, che ha semplicemente bisogno dell’abilità di un buon piazzista."
 
(Hannah Arendt, "Sulla Rivoluzione").

Posted in Senza categoriaTagged

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...